ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

BANDO N. 9600

Concorso per il conferimento di n. 20 borse di studio per neolaureati

 

IL PRESIDENTE

dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

 

D I S P O N E

PARTE GENERALE

Art. 1

E' indetto un concorso per titoli ed esame-colloquio a n. 20 borse di studio per neolaureati, per l'avviamento all'attività di ricerca scientifica, da usufruire presso le Strutture dell'I.N.F.N..

L'elenco dei temi sui quali i candidati possono condurre la loro ricerca, ripartiti per sede proponente, è riportato nell'allegato n. 1.

Copia del bando di concorso sarà disponibile presso le sedi delle Strutture I.N.F.N. e sul sito Internet www.ac.infn.it.

La partecipazione al concorso è limitata ad una sola delle sedi di cui al citato elenco, che deve essere chiaramente indicata nella domanda di partecipazione. L'omissione di tale specifica indicazione, così come la dichiarazione - nella medesima domanda o in domande distinte - di voler concorrere per più sedi di ricerca, comporta l'esclusione dal concorso.

I candidati devono scegliere uno solo dei temi di ricerca riportati nell'elenco tra quelli relativi alla sede prescelta. L'indicazione di temi diversi da quelli elencati comporta l'esclusione dal concorso.

Le borse non sono cumulabili con altre borse di studio, né con assegni o sovvenzioni di analoga natura. Non possono essere cumulate neppure con stipendi o retribuzioni derivanti da rapporti d'impiego pubblico o privato.

Art. 2

DURATA E IMPORTO

La durata di ciascuna borsa è di sei mesi con un importo mensile di EURO 775,00. Tale importo, da intendersi al lordo d'imposta, sarà corrisposto in rate mensili posticipate. Ai borsisti può, inoltre, essere esteso il servizio di mensa con le modalità previste per il personale dell'INFN.

Art. 3

REQUISITI DI AMMISSIONE

Possono partecipare al concorso i cittadini italiani e dei paesi dell'Unione Europea che siano in possesso del diploma di laurea, valido per l'ammissione ai corsi di dottorato di ricerca, in Fisica, in Ingegneria, in Astronomia, in Informatica o in Scienze dei Materiali presso una Università o Istituto Superiore italiani o abbiano conseguito la laurea, nelle medesime discipline, presso una Università o Istituto Superiore stranieri, riconosciuta o resa equipollente da una Università o Istituto Superiore italiani o dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

L'anzianità di laurea non deve essere superiore a due anni alla data di scadenza del termine per il quale il candidato ha presentato la domanda.

Ai fini della determinazione dell'anzianità di laurea non vengono considerati i periodi di servizio militare prestato dopo il conseguimento della laurea stessa. In tal caso i candidati devono allegare alla domanda di partecipazione al concorso copia o estratto dello stato di servizio militare (per gli ufficiali) o del foglio matricolare (per i sottufficiali e militari di truppa), dal quale risulti il periodo in cui il servizio è stato prestato.

Tutti i requisiti per l'ammissione al concorso devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per il quale il candidato ha presentato la domanda.

Art. 4

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE, TERMINI E MODALITA'

Le domande di partecipazione al concorso, redatte in carta semplice, secondo lo schema unito al presente bando (allegato n. 2), sottoscritte dagli interessati, devono essere inoltrate, a mezzo raccomandata A.R., all'I.N.F.N. - Direzione Affari del Personale, Ufficio Borse di Studio e Assegni di Ricerca - Casella Postale 56 - 00044 Frascati (Roma).

Sono previsti tre termini di scadenza con un numero di borse da assegnare per ognuna:

-

1° scadenza:

31

gennaio

2003

8 borse

-

2° scadenza:

31

maggio

2003

6 borse

-

3° scadenza:

30

settembre

2003

6 borse

Le borse eventualmente non assegnate dopo la prima scadenza si aggiungono a quelle previste per la seconda scadenza; quelle non assegnate dopo la seconda scadenza si aggiungono a quelle previste per la terza sino a completare il numero complessivo delle venti borse messe a concorso.

Qualora il termine di presentazione delle domande venga a scadere in giorno festivo, si intende protratto al primo giorno non festivo immediatamente seguente.

Resta esclusa qualsiasi diversa forma di presentazione delle domande; della data di inoltro fà fede il timbro a data apposto dagli uffici postali di spedizione.

E' prevista l'esclusione dal concorso nel caso in cui la domanda non sia sottoscritta, non indichi chiaramente il termine di scadenza al quale si riferisce e sia inoltrata successivamente a tale termine.

Nella domanda, possibilmente dattiloscritta, il candidato deve indicare, sotto la propria responsabilità:

Il candidato deve inoltre indicare in ciascuna domanda:

Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:

1. certificato di laurea nel quale siano indicate le votazioni riportate nei singoli esami di profitto, in quello di laurea e la data di quest'ultimo esame;

2. curriculum vitae, con l'elenco delle eventuali pubblicazioni;

3. programma dettagliato delle ricerche che il candidato intende svolgere.

Al fine di consentire le operazioni relative alla valutazione dei titoli, il candidato può allegare alla domanda tutti i documenti, i titoli e le pubblicazioni (compresa la tesi di laurea) che ritenga opportuno presentare nel proprio interesse.

Il certificato di laurea, redatto in carta semplice secondo le disposizioni di legge vigenti in materia, deve essere presentato in originale o copia fotostatica autenticata; l'autentica della fotocopia può essere sostituita da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante la conformità della copia all'originale ai sensi dell'art. 47 del D.P.R. 28.12.2000 n. 445 secondo lo schema di cui all'allegato n. 4.

Lo stesso certificato, può essere sostituito da apposita dichiarazione sostitutiva di certificazioni ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. 28.12.2000 n. 445 secondo lo schema di cui all'allegato n. 3.

La documentazione relativa ai titoli posseduti o alle pubblicazioni presentate, in carta semplice, deve essere prodotta in originale o copia fotostatica autenticata; l'autentica della fotocopia può essere sostituita da dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante la conformità della copia all'originale (allegato n. 4).

I candidati possono altresì dimostrare il possesso dei titoli utilizzando la dichiarazione sostitutiva di certificazioni di cui all'allegato n. 3.

I candidati che presentano la dichiarazione sostitutiva di certificazioni e la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà devono includere nella domanda la fotocopia (non autenticata) di un documento di riconoscimento in corso di validità.

La domanda, con la documentazione allegata, deve essere inserita in un unico plico. L'involucro esterno deve recare l'indicazione del nome, cognome e indirizzo del candidato e numero del concorso cui partecipa.

Non si tiene conto delle domande, dei titoli e dei documenti inoltrati all'I.N.F.N. dopo il termine di cui al 1° comma del presente articolo, né si tiene conto delle domande che, alla scadenza del termine, risultino sfornite della prescritta documentazione, né è infine consentito, scaduto il termine stesso, di sostituire i titoli e i documenti già presentati, ancorché si tratti di sostituire dattiloscritti o bozze di stampa con i corrispondenti lavori stampati.

Art. 5

COMMISSIONE ESAMINATRICE, PUNTEGGI E TITOLI

La Commissione esaminatrice, nominata dal Presidente dell'I.N.F.N., si riunisce successivamente al compimento di ciascuno dei termini di scadenza.

La Commissione, dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

La valutazione dei titoli precede l'esame-colloquio.

I titoli valutabili sono:

La Commissione stabilisce i criteri per la valutazione dei titoli prima di aver preso visione degli stessi e della relativa documentazione.

L'esame-colloquio verte sugli argomenti oggetto della tesi di laurea e sul tema di ricerca indicato per la partecipazione al concorso, sulle eventuali esperienze maturate e sulle pubblicazioni eventualmente presentate.

L'esame-colloquio non si intende superato se il candidato non ha ottenuto la votazione di almeno 56 punti su 80.

La valutazione complessiva risulta dalla somma dei punteggi riportati nella valutazione dei titoli e nell'esame-colloquio.

Art. 6

DIARIO DELLE PROVE D'ESAME, DOCUMENTI D'IDENTITA'

La data ed il luogo del colloquio sono comunicati per iscritto ai candidati ammessi a partecipare, almeno venti giorni prima della prova stessa.

L'I.N.F.N. non assume alcuna responsabilità né per eventuali ritardi o disguidi postali o telegrafici delle comunicazioni ai candidati, né per il caso di mancato o ritardato recapito di comunicazioni dirette ai candidati che sia da imputare ad omessa o tardiva segnalazione di cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda.

Per sostenere il colloquio i candidati devono esibire un documento di riconoscimento non scaduto di validità.

Non sono ammessi a partecipare al colloquio i candidati non in grado di esibire alcun documento di riconoscimento o in possesso di documenti di riconoscimento scaduti di validità.

Art. 7

GRADUATORIE

Al termine di ciascuna riunione, la Commissione presenta una relazione contenente il giudizio su ciascun concorrente che ha sostenuto l'esame colloquio e la relativa graduatoria di merito.

Sono inclusi nella graduatoria, secondo l'ordine della votazione complessiva a ciascuno attribuita, i soli candidati che, avendo superato l'esame colloquio, hanno riportato un punteggio complessivo non inferiore a 70 punti su 100.

A parità di votazione complessiva ha la precedenza in graduatoria il candidato che ha conseguito il punteggio più elevato nella votazione finale relativa al diploma di laurea; in caso di ulteriore parità quello che ha ottenuto il voto colloquio più alto.

Art. 8

APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE

Risultano vincitori i candidati che sono compresi, entro il numero delle borse messe a concorso, nelle graduatorie di cui all'articolo 7.

Le graduatorie sono approvate con Deliberazione del Consiglio Direttivo dell'Istituto.

L'I.N.F.N. notifica a ciascun candidato l'esito del concorso e provvede, successivamente, alla restituzione delle pubblicazioni presentate.

Art. 9

CONFERIMENTO DELLE BORSE &endash; UTILIZZAZIONE DELLA GRADUATORIE

Le borse sono conferite con provvedimento del Presidente dell'Istituto.

Nel termine perentorio di quindici giorni dalla data di ricevimento della lettera con la quale l'I.N.F.N. dà comunicazione del conferimento della borsa, gli assegnatari debbono far pervenire la dichiarazione di accettazione della borsa medesima alle condizioni indicate o l'eventuale rinuncia.

Con detta dichiarazione gli assegnatari devono dare esplicita assicurazione, sotto la propria responsabilità che, durante tutto il periodo di durata della borsa dell'I.N.F.N., non usufruiranno di altre borse di studio, né di analoghi assegni o sovvenzioni, né riceveranno stipendi o retribuzioni derivanti da rapporti d'impiego pubblico o privato.

Le borse che restino disponibili per rinuncia o decadenza dei vincitori, possono essere assegnate - entro il termine di due mesi dalla data di approvazione delle graduatorie - con disposizione del Presidente dell'I.N.F.N., ai candidati risultati idonei, secondo l'ordine delle graduatorie stesse.

Art. 10

DECORRENZA DELLE BORSE, OBBLIGHI DEL BORSISTA

La data di decorrenza delle singole borse è stabilita insindacabilmente dall'I.N.F.N. all'atto del conferimento.

Il borsista ha l'obbligo:

Il borsista che dopo aver iniziato l'attività di ricerca in programma non la prosegua, senza giustificato motivo, regolarmente ed ininterrottamente, per l'intera durata della borsa, o che si renda responsabile di gravi e ripetute mancanze o che, infine, dia prova di non possedere sufficiente attitudine alla ricerca, può essere dichiarato decaduto, con motivato provvedimento del Presidente dell'I.N.F.N., dall'ulteriore utilizzazione della borsa.

Il provvedimento di cui al precedente comma viene adottato su proposta del Direttore della Struttura I.N.F.N. presso la quale il borsista della borsa svolge la propria attività di studio e ricerca, udito l'interessato.

Possono essere giustificati ritardi ed interruzioni della borsa solo se dovuti a gravi motivi di salute o a causa di forza maggiore, debitamente comprovati.

Art. 11

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell'articolo 10, comma 1 della legge 31 dicembre 1996, n. 675, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti dall'I.N.F.N. per le finalità di gestione del concorso e dei rapporti conseguenti al concorso stesso.

Il conferimento di tali dati è indispensabile ai fini della valutazione dei requisiti per l'ammissione al concorso, pena l'esclusione dallo stesso.

L'interessato gode dei diritti di cui all'art. 13 della citata legge, tra i quali figura quello di accesso ai dati che lo riguardano, nonché di alcuni diritti complementari tra cui il diritto di rettificare, di aggiornare, di completare o di cancellare i dati erronei, incompleti o raccolti in termini non conformi alla legge, nonché il diritto ad opporsi al loro trattamento, per motivi legittimi.

 

 

IL PRESIDENTE

(Prof. Enzo Iarocci)

 

Allegato n. 1

ELENCO TEMI DI RICERCA

 

Sezione di Bari

1. Le problematiche del rivelatore di tracce al Silicio per l'esperimento CMS.

2. Sistema di trigger sui mu basato su rivelatori a elettrodi piani resistivi (RPC) per l'esperimento CMS.

3. Studio delle prestazioni dell'apparato dell'esperimento CMS con tecniche di Montecarlo.

4. Sviluppo e sperimentazione di tecnologie e servizi di Grid per l'analisi dati di esperimenti ad LHC.

5. Studio e sviluppo di metodi per l'identificazione di particelle nell'esperimento OPERA.

6. Caratterizzazione e ottimizzazione dei brick di emulsione per l'esperimento OPERA.

7. Studio di algoritmi per la misura automatica in emulsione per l'esperimento OPERA.

8. Studio di gamma astrofisici tramite la missione GLAST.

9. Studio e sviluppo di rivelatore calorimetrico a Cs-I per gamma astrofisici.

10. Studio e sviluppo di un TRD a silicio per applicazioni spaziali.

11. Studio di antimateria nei raggi cosmici primari.

12. Studio di neutrini astrofisici di alta energia.

13. Studio della funzione di risposta degli scintillatori di FINUDA a particelle cariche e neutre.

14. Produzione e decadimento di livelli ipernucleari in reazioni indotte con K a riposo.

15. Studio delle problematiche riguardanti il calcolo distribuito mediante una griglia computazionale nell'esperimento ALICE ad LHC.

16. Produzione inclusiva di particelle cariche mediante un rivelatore Cherenkov ad immagini anulari in interazioni protone-protone e oro-oro a 200 AgeV/c (esperimento STAR a RHIC).

17. Progettazione e sviluppo di un sistema di controllo basato su Programmable Logic Controller (PLC) per alimentatori di potenza di bassa tensione e integrazione col sistema alta tensione SY 1527 della CAEN per il RICH nell'esperimento ALICE.

18. Analisi di dati di interazioni Pb-Pb a bersaglio fisso al CERN.

19. Assemblaggio e caratterizzazione dei rivelatori a pixel di silicio dell'esperimento ALICE.

20. Simulazione della risposta e analisi di dati di "test beam" dei rivelatori a pixel di silicio dell'esperimento ALICE.

21. Progettazione e realizzazione del sistema di controllo e di alimentazione del rivelatore a pixel di silicio dell'esperimento ALICE.

22. Implementazione di un sistema di software per il Data-Base del rivelatore a pixel di silicio di ALICE.

23. Fisica del neutrino.

24. Fenomenologia dei quark pesanti.

25. QCD a temperatura e densità finite.

26. Cosmologia di stringa.

27. Metodi non perturbativi in teoria dei campi e meccanica statistica.

28. Teorie di campo su reticolo.

29. Comportamento temporale dei sistemi instabili.

30. Algoritmi per calcolo parallelo su cluster di PC.

Sezione di Bologna

1. Analisi delle interazioni con basso momento trasferito, nell'urto protone antiprotone ad energie di 2000 GeV nel centro di massa (esperimento CDF al Tevatron Collider di Fermilab).

2. Utilizzo di strutture di calcolo distribuito per il processo di riduzione di grandi quantità di dati e per la produzione con Monte Carlo di grandi campioni di dati simulati (esperimento CDF).

3. Studio delle interazioni protone-protone a LHC con l'esperimento CMS.

4. Studio del rivelatore a muoni per l'esperimento CMS e LHC.

5. Sviluppo di sistemi di calcolo ad alte prestazioni e di algoritmi di analisi per l'esperimento LHCb.

6. Sviluppo della elettronica di trigger di livello L0 dei calorimentri elettromagnetici per l'esperimento LHCb.

7. Studio della sezione d'urto di produzione di coppie B B barra in urti protone-nucleo ad alta energia.

8. Studio della produzione di charmonio in urti protone-nucleo ad alta energia.

9. Studio dell'efficienza di rivelazione dei nuclei dei Raggi Cosmici con 2 < Z 10 spettrometro spaziale AMS &endash;02.

10. L'elettronica di acquisizione dati e di controllo del sistema di scintillatori per il tempo di volo dello spettrometro AMS-02.

11. Procedure per lo scanning automatico delle emulsioni nell'esperimento OPERA al Gran Sasso.

12. Sviluppo di tools per la identificazione delle particelle all'interno della targhetta dell'esperimento OPERA.

13. Astronomia con neutrini di alta energia con l'esperimento NEMO/ANTARES.

14. Analisi delle prestazioni del modulo zero per il rivelatore TOF di ALICE.

15. Simulazione di collisioni Pb-Pb a LHC in ambiente O.O. (C++).

16. Sviluppo delle schede elettroniche di lettura per l'HPTDC del rivelatore TOF di ALICE.

17. Studio sperimentale della trasmissione di fase liquido-gas della materia nucleare ad energie intermedie.

18. Studio sperimentale del meccanismo di multiframmentazione di sistemi nucleari eccitati.

19. Effetti quantistici in campi gravitazionali intensi.

20. Ampiezze di scattering ed azioni efficaci per teorie di campo su spazi curvi.

21. Calcolo di precisione di correzioni radiative a più loops.

22. Studio di algoritmi di pattern recognition applicati ad immagini mediche.

23. Analisi di dati da microarray in genetica molecolare per problemi medici.

24. Studio di tecniche sperimentali per la mammografia a doppia energia.

25. Sviluppo di sistemi di rivelazione a raggi X ad alta risoluzione spaziale.

26. Studio di rivelatori localizzanti per imaging in fisica medica.

27. Sviluppo di nanotecnologie applicate alla Fisica delle Alte Energie (Nanochant).

28. Sviluppo di rivelatori per Raggi X e Gamma ad elevata efficienza e buona risoluzione energetica e spaziale, basati su materiali semiconduttori operativi a temperatura ambiente (del tipo CdTe e CZT), per impieghi nel campo delle ispezioni per la sicurezza aerea, della radiodiagnostica medica, dei controlli industriali non distruttivi e della ricerca spaziale.

Sezione di Cagliari

1. Sviluppo di un rivelatore multi-GEM per il triggering dei muoni a LHCb.

2. Progettazione, sviluppo e test di circuiti integrati custom per la sincronizzazione dei segnali e per la gestione dell'elettronica di front-end per le camere a muoni di LHCb.

3. Simulazione e ricostruzione degli eventi nell'apparato per la ottimizzazione del trigger dei muoni a LHCb.

4. Programmi di simulazione per gli eventi di interazioni piombo-piombo ad energie ultrarelativistiche.

5. Sviluppo delle camere di tracciamento per il dimuon arm dell'esperimento ALICE.

6. Uso della tecnologia GRID per l'analisi dei dati dell'esperimento ALICE.

7. Studio di problemi non perturbativi nella teoria della gravitazione.

8. Formazione e sviluppo di sciami cosmici in campi magnetici.

9. Studio di asimmetrie nella polarizzazione in cromodinamica perturbativa.

Sezione di Catania

1. Studio microscopico di eccitazioni collettive in sistemi di molti corpi.

2. Elettronica integrata per rivelatori per la fisica delle Alte Energie.

3. Studio di rivelatori ed elettronica di acquisizione per sistemi di controllo in linea di fasci di protoni da impiegare per scopo terapeutico.

4. Rivelatori di luce Cherenkov debole operanti ad elevata pressione.

5. Proprietà ottiche dell'acqua marina utilizzata per rivelazione di muoni.

6. Studio di sciami estesi prodotti dall'interazione con l'atmosfera di raggi cosmici di energia maggiore di 1018eV (Ultra High Energy Cosmic Rays) nell'ambito della collaborazione internazionale AUGER.

7. Sperimentazione alle energie intermedie con il multirivelatore CHIMERA.

8. Sistemi di posizionamento acustico per rivelatori sottomarini di neutrini.

9. Spettroscopia di nuclei leggeri ricchi di neutroni.

10. Tecniche di ray &endash; tracing per lo spettrometro magnetico MAGNEX.

11. Progettazione di algoritmi efficienti per la regressione funzionale multivariabile in ambienti di calcolo distribuito.

12. Raggi cosmici di altissima energia.

Sezione di Ferrara

1. La rivelazione dei muoni nell'esperimento BaBar.

2. Decadimenti semileptonici dei mesoni B.

3. La misura della matrice CKM.

4. Studio ed ottimizzazione di un rivelatore per l'esperimento LHCb.

5. Allestimento del DAQ per una stazione di test per le camere proporzionali del sistema dei mu di LHCb.

6. Sviluppo di database per l'online di LHCb.

7. Astrofisica teorica Nucleare e Subnucleare.

8. Aspetti teorici della materia e dell'energia oscura.

9. Reazioni nucleari di interesse astrofisico.

10. Contributi allo spin del nucleone in reazioni nucleari con bersagli gassosi.

11. Ottimizzazione di fasci atomici come sorgenti per bersagli nucleari e loro accumulazione.

12. Intrappolamento di atomi di francio per test di simmetrie fondamentali.

13. Spettroscopia del charmonio.

Sezione di Firenze

1. Simulazione ed analisi di canali contenenti quark pesanti in CMS.

2. Valutazione ed ottimizzazione della sensibilità per la rivelazione di nuove particelle nell'esperimento CMS.

3. Studio del comportamento di sistemi di alimentazione per rivelatori al silicio in CMS.

4. Ottimizzazione dei sistemi di test per rivelatori al silicio in CMS.

5. Studio della qualità di produzione di rivelatori al silicio per il tracciatore di CMS.

6. Studio delle prestazioni del sistema di lettura finale del tracciatore dell'esperimento CMS.

7. Misure di efficienza di raccolta di carica in rivelatori a semiconduttore.

8. Costruzione e studio di prototipi di camere a fili proporzionali per il Rivelatore di Muoni di LHCb.

9. Realizzazione di hardware e software per una stazione di test per camere a fili proporzionali per il Rivelatore di Muoni di LHCb.

10. Studio di algoritmi di ricostruzione e identificazione dei muoni col Rivelatore di Muoni di LHCb.

11. Studio di decadimenti dei mesoni B con muoni nello stato finale, con riferimento all'ottimizzazione del trigger di muoni di LHCb.

12. L'interferometria e la misura di spostamenti "estranei".

13. L'agitazione termica dei solidi.

14. Sviluppo dei programmi di analisi e di allineamento del sistema tracciante dell'esperimento PAMELA su satellite.

15. Sviluppo dell'elettronica di acquisizione dei sottosistemi dell'esperimento PAMELA su satellite.

16. Spettroscopia Nucleare di stati di alto spin.

17. Misura di vite medie di livelli nucleari eccitati.

18. Spettroscopia Nucleare rivolta allo studio di stati a simmetria mista nell'ambito del modello a bosoni interagenti.

19. Meccanismi di reazione in collisioni fra nuclei pesanti alle energie dei tandem e ciclotroni.

20. Reazioni tra nuclei pesanti dalle energie del tandem alle energie di Fermi.

21. Tecniche di rivelazione nel campo degli ioni pesanti alle energie dei tandem ed intermedie.

22. Sviluppo di tecniche di rivelazione ed elettronica nucleare anche mediante l'uso di pacchetti a numero di particelle variabile del fascio pulsato dell'acceleratore di Firenze.

23. Misure di sezioni d'urto di scattering elastico di protoni ed alfa su nuclei leggeri.

24. QCD a temperatura e densità finite.

25. Fenomenologia delle interazioni deboli ed estensioni del modello standard.

26. QCD perturbativa e fisica agli acceleratori di alta energia.

27. Fenomenologia e modelli nelle collisioni di ioni pesanti ultrarelativistici.

28. Teorie di gauge in geometria non commutativa.

29. Interazione della materia col campo gravitazionale nella formulazione Hamiltoniana.

30. Meccanica statistica e teoria dei campi.

31. Sviluppo di setup di rivelatori per misure di Ion Beam Analysis nel campo dei beni culturali e dello studio dell'inquinamento da particolato atmosferico.

32. Misure di Accelerator Mass Spectrometry e sviluppo delle relative tecniche di preparazione dei campioni.

33. Rivelatori massivi criogenici per eventi rari.

34. Nuovi rivelatori a stato solido per dosimetria in campo radioterapico nell'ambito dell'esperimento CONRAD.

Sezione di Genova

1. Sviluppo ed ottimizzazione di un trigger di II livello per ATLAS.

2. Sviluppo di test sui moduli del rivelatore a pixels di ATLAS.

3. Studio della simulazione della risposta dell'elettronica pixels di ATLAS.

4. Partecipazione all'esperimento BABAR e all'analisi dei dati relativi a processi legati alla misura della violazione di CP.

5. Partecipazione all'esperimento BABAR con particolare riferimento al monitoraggio e al miglioramento dell'apparato per la rivelazione dei K e dei muoni.

6. Misura della massa dell'antineutrino elettronico tramite spettroscopia beta calorimetrica.

7. Violazione della conservazione del sapore leptonico attraverso la ricerca del decadimento del muone in elettrone e gamma senza emissione di neutrini.

8. Studio della misura della fisica del diffrattivo a LHC per l'esperimento TOTEM.

9. Misura della funzione di struttura polarizzata g1 su protone a bassi momenti trasferiti con il rivelatore CLAS al TJNAF nell'ambito dell'esperimento AIACE.

10. Misure di diffusione semi-esclusiva di elettroni su protone e analisi delle funzioni di frammentazione con il rivelatore CLAS al TJNAF nell'ambito dell'esperimento AIACE.

11. Produzione di antiidrogeno a bassa energia nell'esperimento ATHENA.

12. Fisica con antiidrogeno freddo.

13. Fisica dei plasmi non neutri nell'esperimento ATHENA.

14. Teoria della produzione di Quark pesanti nelle collisioni Hadroniche.

15. Q.C.D. a temperatura e densità finite.

16. Dinamica relativistica degli ioni pesanti.

17. Fenomeni critici in teoria quantistica dei campi.

18. Approcci non perturbativi alla teoria quantistica dei campi.

19. Analisi statistica di dati applicabili al melanoma oculare trattato con protoni.

20. Simulazione mediante GEANT4 di piani di trattamento per il melanoma oculare.

21. Simulazione, progettazione e test di elettronica VLSI per monitoraggio di fasci utilizzati in radioterapia.

22. Simulazione di campi magnetici per testate isocentriche per ioni.

23. Sviluppo di amplificatori superconduttori a bassissimo noise per la rivelazione di onde gravitazionali.

24. Studio di un sistema mixer-amplificatore realizzato con SQUIDs.

25. Studio delle caratteristiche dell'elettronica di trigger e read out per un esperimento dedicato ad LHC.

Sezione di Lecce

1. Studio dei decadimenti dei K carichi all'esperimento KLOE.

2. Caratterizzazione di miscele ternarie per gli RPC di ATLAS mediante misure di velocità di drift ed amplificazione.

3. Studio delle prestazioni delle camere a elettrodi piani resistivi dello spettrometro per muoni di ATLAS mediante una stazione di test con raggi cosmici.

4. Studio delle prestazioni e ottimizzazione di un calorimetro a fibre scintillanti.

5. Algoritmi di ricostruzione degli eventi e loro implementazione nel programma C++ di analisi dati per l'esperimento ARGO-YBJ.

6. Sviluppo di programmi e applicazioni per il monitor on-line dell'apparato sperimentale ARGO-YBJ.

7. Interazioni deboli nei nuclei atomici.

8. Studio di plasmi in regime di non equilibrio.

9. Caratterizzazione energetica di un fascio ionico mediante uno spettrometro elettrostatico.

10. Studio dei processi di caricamento in metalli di transizione.

11. Influenza della radiofrequenza su materiale biologico.

Sezione di Milano

1. Studio delle prestazioni del rivelatore ATLAS rilevanti per la ricerca di bosoni di Higgs supersimmetrici.

2. Studio della calibrazione dei calorimetri elettromagnetici di ATLAS e loro effetto sulla ricerca del bosone di Higgs standard.

3. Preparazione della presa dati con un fascio di adroni della North Area del CERN con moduli del calorimetro elettromagnetico (Lar) e adronico (Tiles) di ATLAS.

4. Verifica e caratterizzazione dei canali di lettura e calibrazione del calorimetro Barrel di ATLAS con la tecnica del Time Domain Reflectometer.

5. Sviluppo di un sistema di test per i moduli del rivelatore a pixel di ATLAS.

6. Caratterizzazione con fasci di particelle di rivelatori a pixel di Silici per l'esperimento ATLAS.

7. Sviluppo dell'architettura di controllo di un centro di lavoro per interconnessioni ad alta densità per l'elettronica di lettura dei pixel di ATLAS.

8. Sviluppo di elettronica di controllo per il rivelatore a pixel di ATLAS.

9. Propagazione del quench nelle bobine del Barrel Toroid di ATLAS: analisi dati e paragone con simulazioni numeriche.

10. Sperimentazione con il calorimetro elettromagnetico di CMS.

11. Previsioni per la ricerca del bosone di Higgs con l'uso di CMS a LHC.

12. Misure e test di aerogel come radiatore Cherenkov per i RICH di LHCB.

13. Misure di violazione di CP con il rivelatore LHCB.

14. Studio delle asimmetrie di carica e delle asimmetrie dipendenti dal tempo nei decadimenti del mesone B in età K nell'esperimento BaBar a SLAC.

15. Misure di rapporti di decadimenti in decadimenti rari del mesone B in stati finali senza charm contenenti mesoni eta o età.

16. Analisi dei decadimenti del Charm ad altissima statistica nell'esperimento FOCUS.

17. Studio della violazione di CP ai collider adronici.

18. Progettazione e sviluppo di un rivelatore a microstrip di Silicio per il sistema di tracciamento in avanti dell'esperimento BTeV.

19. Sviluppo del sistema di acquisizione dati per il rivelatore a microstrip di Silicio dell'esperimento BteV.

20. Ricerche sperimentali sul decadimento doppio beta con le tecniche criogeniche.

21. Studio di microrivelatori termici per ricerche sulla misura della massa del neutrino elettronico.

22. Calibrazioni, monitoraggio e studio della stabilità dell'esperimento Borexino per la rivelazione dei neutrini solari.

23. Sviluppo di metodologie di analisi per lo studio del segnale indotto da neutrini per l'esperimento Borexino ai Laboratori del Gran Sasso.

24. Sviluppo di software avanzato per trasferimento, monitoraggio ed archiviazione di grandi quantità di dati in linea.

25. Studio della propagazione nell'eliosfera e nella magnetosfera di particelle utilizzando lo spettrometro AMS.

26. Analisi dati dell'esperimento Harp al PS del CERN, in vista del progetto di neutrino factory.

27. Sviluppo di un sistema a tempo di volo ad alte prestazioni per l'esperimento di "muon cooling" MICE, al laboratorio RAL.

28. Sviluppo ed ottimizzazione del software di ricostruzione e di analisi degli eventi osservati nel modulo T600 di ICARUS.

29. Spettroscopia gamma discreta e nel continuo: ricerche da effettuare presso i laboratori di Legnaro con apparati di rivelatori al germanio e al GSI (Darmstadt).

30. Sviluppi strumentali per spettroscopia gamma legati alla tecnica del tracking e imaging gamma.

31. Studio di reazioni nucleari di interesse astrofisico con l'acceleratore di 400 keV presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

32. Meccanismi di reazione ad energie intermedie, processi di pre-equilibio, reazioni di frammentazione e produzione di leptoni.

33. Studio dei nuclei lontano dalla valle di stabilità e loro descrizione in termini di eccitazioni elementari.

34. Studio di interazioni non locali in gravità quantistica.

35. Aspetti geometrici-topologici in teorie quantistiche di campo.

36. Dark matter and dark energy.

37. Fenomenologia delle oscillazioni dei neutrini atmosferici.

38. Perfezionamento dei processi fisici di interazione per particelle con energie incidenti inferiori a 5 GeV e sviluppo di strumenti software multi-linguaggio di nuova concezione (incluse interfacce grafiche) per l'analisi dei risultati del MonteCarlo FLUKA.

39. Sviluppo di rivelatori di immagini X e gamma ad elevata risoluzione spaziale, temporale ed energetica.

40. Studio e sviluppo di un cannone con catodi ferroelettrici per applicazioni scientifiche ed industriali.

41. Studio e test di un sistema di manipolazione di un impulso laser al pico-secondo per cannoni RF della prossima generazione.

42. Analisi di dati sperimentali per l'ottimizzazione delle condizioni d'irraggiamento per la produzione dei radionuclidi per terapia radiometabolica: rame-64 ed astato-211.

43. Sviluppo di strumentazione avanzata per "imaging" X e gamma nel campo della diagnostica medica, della biologia molecolare e dell'analisi dei materiali: una nuova Gamma camera con risoluzione submillimetrica e un nuovo micro-spettrometro XRF.

44. Caratterizzazione delle proprietà di trasporto fra 4K e Tc (39K) di fili superconduttori ad alta corrente in MgB2 (diboruro di magnesio).

Sezione di Napoli

 

1. Studio della Fisica oltre il Modello Standard al LEP con l'esperimento L3.

2. Studio della violazione di CP al collisionatore elettrone-positrone DAFNE dei LNF.

3. Studio dei decadimenti radiativi del mesone Phi al collisionatore DAFNE dei LNF.

4. Studio delle interazioni protone-protone ad altissime energie a LHC del CERN.

5. Studio della violazione di CP e Fisica dei mesoni B al collisionatore elettrone-positrone di SLAC.

6. Sviluppo ed ottimizzazione di rivelatori per la fisica subnucleare.

7. Sviluppo di sistemi di acquisizione dati in esperimenti di fisica subnucleare.

8. Caratterizzazione e controllo di qualità con raggi cosmici di RPC per lo spettrometro a muoni di ATLAS.

9. Sviluppo di un link-ottico ad alta banda passante per la lettura dei dati degli RPC nell'esperimento ATLAS.

10. Studio e realizzazione di una griglia computazionale per la simulazione e ricostruzione di eventi fisici in ATLAS.

11. Studio delle prestazioni del trigger muonico di primo livello dell'esperimento ATLAS.

12. Test di integrazione di un ottante dello spettrometro per muoni di ATLAS su fascio.

13. Sviluppo ed utilizzo di un sistema d'acquisizione per il controllo ed il monitoraggio del rivelatore ad RPC di CMS.

14. Sviluppo ed utilizzo di un programma di ricostruzione per raggi cosmici basato su nuove tecnologie software (object-oriented).

15. Studio dello spettro dei raggi cosmici primari con l'esperimento ARGO.

16. Ricerca di sorgenti di raggi cosmici e Fisica dei Gamma-Ray Burst con l'esperimento ARGO.

17. Rivelazione interferometrica di onde gravitazionali nell'esperimento VIRGO.

18. Rivelazione di neutrini solari ed atmosferici con il rivelatore ICARUS T600.

19. Raggi cosmici ed antimateria nello spazio.

20. Rivelazione dei raggi cosmici di altissima energia con l'esperimento AUGER.

21. Adroproduzione per Neutrino Superbeams and Factories (HARP).

22. Raffreddamento di muoni per ionizzazione (MICE).

23. Metodi sperimentali per lo studio di interazioni di neutrino.

24. Emissione di raggi gamma di pre-equilibrio in reazioni dissipative indotte da ioni pesanti.

25. Meccanismi di reazione e proprietà dei nuclei esotici in prossimità della barriera coulombiana.

26. Determinazione del tasso di reazione della 12C (alfa, gamma) 160 nella fase di combustione stellare dell'elio.

27. Studio della reazione del ciclo di combustione CNO 14N (p, gamma) 150 presso l'acceleratore da 400 KV dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

28. Dinamica della fissione in sistemi di media fissilità.

29. Proprietà dei nuclei altamente deformati tramite l'osservazione delle particelle e dei gamma emessi.

30. Transizione di fase liquido-gas nella materia nucleare; dinamica della multiframmentazione.

31. Studio di problemi nucleari a molti corpi.

32. Formulazione canonica della Gravità e Cosmologia Quantistica.

33. Azione effettiva in teoria quantistica dei campi.

34. Teorie di stringa e teorie di campo conformi.

35. Metodi non perturbativi in teorie di campo.

36. Fenomenologia delle interazioni fondamentali.

37. Dinamica dei fasci in regime lineare e non lineare in fasci ad alta intensità. Analisi teorica ed evidenze sperimentali.

38. Interazione elettromagnetica dei fasci negli acceleratori. Analisi teorica e tecniche di valutazione numeriche e sperimentali.

39. Acceleratori lineari compatti ad alta frequenza.

40. Dosimetria retrospettiva con tecniche di microscopia in fluorescenze e di riconoscimento di immagini su cromosomi.

41. Uso di ioni carbonio accelerati in radioterapia.

42. Sonde di traccianti radioattivi per chirurgia radioguidata.

43. Sviluppo e applicazioni autoradiografiche di un sistema di rivelazione a pixel di GaAs e silicio e elettronica di lettura integrata.

44. Miglioramenti spettroscopici su rivelatori a semiconduttori composti per applicazioni astrofisiche e radiologiche.

45. Rivelatori Semiconduttivi Criogenici: principi e applicazioni.

46. Sistemi di acquisizione dati ad alto rate ed alto flusso di informazioni.

47. Connessioni ottiche parallele tra sistemi digitali ad alta frequenza.

48. Studio di materiali superconduttivi innovativi per il ricoprimento di cavità acceleratrici.

49. Caratterizzazione delle proprietà strutturali e di trasporto di film di niobio depositati mediante tecniche di sputtering in diverse configurazioni per cavità acceleratrici.

50. Metodi Montecarlo per ricostruzioni di immagini.

51. Caratterizzazione e misura del Bit-Error-Rate di link ottici paralleli a data rate del Gbyte/s.

52. Sviluppo di sistemi a read-out veloce.

53. Sviluppo di nuove configurazioni elettroniche per rivelatori CzT.

54. Apparati portatili di nuova concezione per indagini archeometriche.

55. Tecniche di impiantazione ionica per lo studio di dispositivi di potenza a semiconduttore e di materiali innovativi presso il Laboratorio dell'acceleratore Tandem di Napoli

Gruppo collegato di Salerno

1. Oscillazioni di neutrini nell'esperimento CHORUS e/o nel progetto OPERA.

2. Interazione di radiazione con i dispositivi elettronici.

3. Interazione di ioni Pb ultrarelativistici a SPS.

4. Interazione di ioni Pb ultrarelativistici a LHC con l'esperimento ALICE.

5. Onde gravitazionali non lineari.

6. Gravità quantistisica.

7. Mixing ed oscillazioni di neutrini.

8. Modelli gravitazionali completamente integrabili e loro quantizzazione.

9. Modelli cosmologici di quintessenza in teorie estese della gravitazione.

10. Acquisizione ed elaborazione dati da un microscopio completamente automatico

Sezione di Padova

1. Ricostruzione dei muoni nell'esperimento CMS e studi di isolamento calorimetrico, confrontando la simulazione CMSIM basata su GEANT3 con la nuova simulazione basata su GEANT4.

2. Studio e ottimizzazione della ricostruzione di tracce nell'esperimento CMS.

3. Studio dei moduli del tracciatore a silicio dell'esperimento CMS.

4. Sviluppo del sistema di acquisizione dati del tracciatore a silicio di CMS.

5. Studio della resistenza alle radiazioni dell'elettronica di front-end del tracciatore a silicio di CMS.

6. Ottimizzazione di un Ion-Electron Emission Microscope per lo studio di Single Event Effects in dispositivi elettronici.

7. Ottimizzazione del rivelatore di vertice a silicio dell'esperimento CDF.

8. Studio di jet adronici in eventi ad alto P_t all'esperimento CDF.

9. Caratterizzazione di decadimenti adronici dei mesoni B_s nel rivelatore CDF.

10. Studio della produzione bottom a HERA in regime di D.I.S. con il rivelatore ZEUS.

11. Definizione dei cluster di misura con il nuovo microvertice di ZEUS.

12. Studio della produzione anelastica di charmonio nelle interazioni e-p a HERA con il rivelatore ZEUS, in regime di D.I.S.

13. Studio della produzione bottom a HERA in regime di fotoproduzione con il rivelatore ZEUS.

14. Utilizzo del microvertice di ZEUS per la ricerca di vertici secondari.

15. Validazione della simulazione in GEANT4 del rivelatore GLAST.

16. Caratterizzazione e analisi dati di un rivelatore risonante di onde gravitazionali a temperatura ambiente dotato di una catena di trasduzione ottica.

17. Caratterizzazione criogenica di un trasduttore risonante ottico ottimizzato per il rivelatore AURIGA.

18. Sviluppo di amplificatori ultracriogenici dc-SQUID verso il limite quantistico e loro integrazione in un rivelatore risonante di onde gravitazionali.

19. Studio di tecniche di Back Action Evading (BAE) applicate a trasduttori risonanti capacitivi.

20. Realizzazione di un telescopio per raggi cosmici da utilizzare come sistema in anticoincidenza per il rivelatore per onde gravitazionali AURIGA.

21. Realizzazione di un rotore dotato di momento quadrupolare per la calibrazione del rivelatore AURIGA utilizzando un campo gravitazionale quasi-statico.

22. Misure di rumore termico e fattori di merito meccanico su materiali ad alta sezione d'urto per rivelatori di onde gravitazionali di nuova concezione.

23. I rivelatori elettronici per gli spettrometri di OPERA.

24. La misura degli spettri gamma dei blazar lontani.

25. La ricostruzione energetica dell'esperimento MAGIC.

26. Studio delle variabilità con MAGIC.

27. Studio di fattibilità per misure su casimir dinamico.

28. Fasci esotici presso i LNL.

29. Studio per la soppressione del fondo gamma nella misura della sezione d'urto di 3He (alpha, gamma) 7Be a bassissima energia (esperimento LUNA ai Laboratori del Gran Sasso).

30. Monopoli e confinamento.

31. Superembedding e superstringhe.

32. Unitarietà in teorie di campo non commutative.

33. Sviluppo di camera TPC a semiconduttore in criogenia.

34. Misura di attività enzimatica in microcavità.

35. Messa in opera di camera scintigrafica a Xenon.

Sezione di Pavia

1. Interazioni p-p ad altissime energie - Esperimenti ATLAS e CMS a LHC del CERN.

2. Fisica dei quarks pesanti - Esperimenti E831e BTeV al Fermilab.

3. Fisica del neutrino - Esperimenti ICARUS, BOREX: oscillazioni di neutrino da fasci su corta o lunga scala, studio di neutrini solari e atmosferici.

4. Interazioni di raggi cosmici di altissima energia &endash; Esperimenti ARGO, AUGER.

5. Fisica dello spin &endash; Esperimento GDHN.

6. Fisica degli ipernuclei &endash; Esperimento FINUDA.

7. Fisica dell'antiidrogeno &endash; Esperimento ATHENA.

8. Teoria dei campi (metodi funzionali in teoria dei campi, applicazioni di metodi geometrici e topologici a teorie quantistiche, Gravità Quantistica).

9. Fisica adronica con sonde elettromagnetiche.

10. Fenomenologia delle interazioni fondamentali.

11. Materia oscura.

12. Teoria della misurazione quantistica.

13. Caratterizzazione frammenti di fissione da AM242 &endash; Esperimento AM242.

14. Studio di rivelatori massivi a semiconduttore con una soglia di pochi elettroni adatti alla rivelazione di scattering da neutrini e dark-matter &endash; Esperimento NEMESI.

15. Applicazione in sperimentazione clinica della "Boron Neutron Capture Therapy" per la cura di metastasi tumorali diffuse e multifocali &endash; Esperimento EFRAM.

Sezione di Perugia

1. Studio del bosone di Higgs a LHC con tecnica di b-tagging utilizzando l'apparato di tracciatura di CMS.

2. Analisi dei dati raccolti su fascio con i rivelatori al silicio per il tracciatore di CMS.

3. Studi di b trigger in CMS.

4. Sviluppo e test di rivelatori al silicio resistenti alla radiazione per il sistema tracciante di CMS.

5. Sviluppo di sistemi di test per dispositivi di trasmissione dati opto-elettronici del tracciatore di CMS.

6. Sviluppo di strumenti informatici per il database distribuito dell'esperimento CMS.

7. Studio e simulazione dei difetti indotti dalla radiazione nei rivelatori al silicio ad altissime luminosità (exp. SMART)

8. Sviluppo di rivelatori semiconduttori a pixel con elettronica integrata basati su tecnologia CMOS (exp. RAPS).

9. Studio e sviluppo di rivelatori basati in tecnologia SIC (exp. Sicpos).

10. Sviluppo e test di applicazioni distribuite per data analysis e data-handling per INFN-GRID.

11. Studio dei decadimenti del leptone tau a LHC utilizzando l'apparato CMS.

12. Studio di nuceli galattici attivi con l'esperimento GLAST.

13. Studio di processi di decadimento, rari di mesoni K con l'esperimento EPSI.

14. Simulazione ricerca di processi legati all'esistenza di materia oscura con l'esperimento AMS.

15. Studio dei sistemi di sospensione dell'esperimento VIRGO.

Sezione di Pisa

1. Misura dei parametri del W a LEP con l'esperimento ALEPH.

2. Progettazione e calibrazione del calorimetro elettromagnetico per AMS.

3. Metodi di identificazione di sciami elettromagnetici ed adronici per mezzo dello studio dello sviluppo tridimensionale degli sciami stessi (AMS).

4. Progettazione di un sistema di trigger per la selezione di raggi g col calorimetro di AMS-02.

5. Studio della rivelazione del bosone di Higgs di massa intermedia (M=160-190 GeV) a LHC.

6. Fattibilità di un trigger per muoni utilizzando il calorimetro adronico TileCal di ATLAS.

7. Misura delle caratteristiche di fotomoltiplicatori veloci.

8. Test della simmetria CPT nell'esperimento BaBar.

9. Misura della violazione diretta di CP nei decadimenti dei mesoni B carichi nell'esperimento BABAR.

10. Studio delle prestazioni del tracciatore di vertice (SVT) dell'esperimento BABAR.

11. Ricerca di nuova fisica (oltre lo standard model) nell'esperimento BABAR durante la presa dati ad altissima luminosità.

12. Misura della massa del quark top.

13. Il tracciatore in avanti di CDF e suo utilizzo nella fisica di alto Pt.

14. Sviluppo di algoritmi di identificazione del beauty a mezzo del nuovo sistema di tracciatura di CDF.

15. Ricostruzione di decadimenti adronici di B a CDF.

16. Analisi dei dati raccolti su fasci di test ad alta intensità con i rivelatori al silicio per il tracciatore (Tracker) di CMS.

17. Sviluppo e test dell'elettronica di read-out e del DAQ per il tracciatore (Tracker) di CMS.

18. Sviluppo del software di simulazione, ricostruzione ed analisi del tracciatore (Tracker) di CMS.

19. Studio della misurabilità del segnale del bosone di Higgs con tecniche di "b-tagging" utilizzando il tracciatore centrale di CMS.

20. Studio della osservabilità di segnali supersimmetrici con l'esperimento CMS a LHC.

21. Misure di violazione diretta di CP nel decadimento di mesoni K carichi.

22. Decadimenti rari dei mesoni K.

23. Studio ed ottimizzazione del sistema di tracciatura di GLAST.

24. Rivelazione di onde gravitazionali mediante interferometri laser (Virgo).

25. Analisi dei dati prodotti da rivelatori di onde gravitazionali (Virgo).

26. Metodi di trigger per rivelatori di onde gravitazionali (Virgo).

27. Studio del rumore termico in sospensioni antisismiche (Virgo).

28. Implementazione del processore Fast-track per il trigger di ATLAS.

29. Sviluppo di un Polarimetro a raggi X con rivelatori a micropattern in gas (GLAST).

30. Studio di tecniche di ricostruzione tomografica.

31. Sviluppo di rivelatori sensibili alla posizione per radiazione X e gamma.

32. Sistemi per imaging medico.

33. Applicazione della rete GRID alla diagnosi assistita da computer in mammografia.

34. Applicazione delle reti neurali all'analisi automatica delle immagini in diagnostica medica.

Sezione di Roma

1. Studio di decadimenti del B in canali di pura annichilazione in BaBar.

2. Studio di decadimenti del B contenenti charmonio nello stato finale in BaBar.

3. Ricerca di bosoni di Higgs supersimmetrici (MSSM) a LHC.

4. Sviluppo ed ottimizzazione degli algoritmi veloci per il trigger muonico di secondo livello e per l'event filter di Atlas.

5. Il sistema di controllo del trigger di primo livello per muoni del barrel dell'esperimento Atlas.

6. Studio della violazione della simmetria CP tramite il processo e+ e- -> F (1020) -> KS KL con l'apparato sperimentale KLOE a DAFNE, utilizzando in particolare l'interferometria dei K. Preparazione dei programmi di analisi "off-line".

7. Studio della violazione della simmetria CP nei decadimenti dei mesoni K neutri in tre pioni, con l'apparato sperimentale KLOE a DAFNE, utilizzando in particolare l'interferometria dei K. Preparazione dei programmi di analisi "off-line".

8. Sviluppo di algoritmi per la selezione e l'analisi dei decadimenti radiativi della risonanza F (1020) in mesoni scalari e pseudoscalari, con l'esperimento KLOE a DAFNE.

9. Studio dei fattori di forma K13 e K14 con l'esperimento KLOE a DAFNE.

10. Misura dell'elemento di matrice Vus , via decadimenti semileptonici dei K carichi e neutri.

11. Analisi dei decadimenti adronici della F (1020).

12. Studio ed ottimizzazione della energia dei jet adronici in eventi di QCD e di produzione di top a CDF.

13. Studio degli eventi B e D dal trigger completamente adronico con SVT a CDF.

14. Ottimizzazione della separazione kappa Pai nei decadimenti da D e B a CDF.

15. Radiazione di alta energia da sorgenti astrofisiche.

16. Studio della regola di somma GDH a basso Q2 in Hall A a Jefferson Laboratory

17. Esperimenti di elettroproduzione di stranezza su nuclei a Jefferson Laboratory, Hall A.

18. Estensioni del Modello Standard alla scala di Fermi.

19. Simmetrie e loro rottura nei modelli con dimensioni extra.

20. Fenomenologia dei sapori pesanti (beauty e/o charm).

21. Sorgenti di onde gravitazionali.

22. Studio di sistemi (parzialmente) integrabili di interesse applicativo.

23. Studio di un rivelatore per PET di nuova concezione con rivelatori a stato solido.

24. Studio di una PET volumetrica con rivelatori a gas e fotocatodo a CsI.

25. Sviluppo di software di base e compilatori per il calcolatore parallelo APE di prossima generazione ApeNEXT.

26. Analisi e sviluppo di middleware per l'accesso e l'integrazione con le Data Grids dedicato alle esigenze della Lattice QCD.

27. Progettazione e sviluppo hardware di nuove architetture di calcolo e di interconnesione per macchine parallele dedicate al calcolo scientifico.

Sezione di Roma II

1. Teorie di Gauge su reticolo.

2. Effetti non-perturbativi in teorie di Gauge.

3. Corrispondenza fra teorie di stringa e teorie di Gauge.

4. Materia oscura supersimmetrica.

5. Costruzione e assemblaggio di una stazione di test con raggi cosmici per le torri dell'esperimento GLAST.

6. Investigazione della componente WIMP della Materia Oscura dell'Universo con l'apparato LIBRA dell'esperimento DAMA ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

7. Ricerca del decadimento del nucleone e del di-nucleone in canali invisibili con l'apparato LIBRA dell'esperimento DAMA ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

8. Fotoproduzione di mesoni ed effetto Compton in idrogeno con fotoni polarizzati.

9. Fotoproduzione di mesoni ed effetto Compton in Deuterio con fotoni polarizzati.

10. Studio dell'esposizione alla radiazione cosmica durante le missioni spaziali: esperimento SI-Rad a bordo della ISS.

11. Esperimento PAMELA: gestione dei dati scientifici trasmessi dall'apparato sperimentale.

12. Studio dei meccanismi di interazione tra la ionosfera e la magnetosfera terrestri con la missione spaziale ARINA.

13. Corrispondenza olografica fra teorie di stringa e teorie di gauge.

14. Modelli con stringhe aperte e applicazioni al problema della rottura della supersimmetria.

15. Teorie di campo di spin elevato.

Sezione di Roma Tre

1. Studio di rivelatori per muoni dell'esperimento ATLAS.

Sezione di Torino

1. Progettazione e realizzazione di un sistema integrato di test con raggi cosmici (acquisizione e trigger) per le camere Muon Drift Chamber di CMS.

2. Studio e sperimentazione di sistemi di calcolo distribuito nell'ambito dei progetti relativi alle GRID.

3. Interazioni di ioni pesanti ultrarelativistici.

4. Sviluppo di algoritmi per la selezione in linea di stati finali a più muoni per la fisica a LHC.

5. Studio di strategie di selezione e analisi per il processo di diffusione di bosoni vettori ad alta massa invariante a LHC.

6. Prove di funzionamento delle camere a deriva per l'esperimento ALICE a LHC.

7. Realizzazione e test di un rivelatore a semiconduttore a base di SiC per la discriminazione neutrone-gamma (Esperimento GAMMA-NEU Gruppo V).

8. Studio del priming ottico di rivelatori a diamante artificiale per il progetto ATLAS (ambito RD-42, Esperimento CRD-42 Gruppo V).

9. Sviluppo, realizzazione e test di un rivelatore per il monitor in tempo reale di fasci terapeutici di adroni e fotoni.

10. Sviluppo dei rivelatori RPC e delle simulazioni del trigger per coppie di muoni dell'esperimento ALICE.

11. Sviluppo di calorimetri per misura della centralità delle collisioni nucleo-nucleo nell'esperimento ALICE.

12. Ricostruzione di eventi Pb-Pb a 5.5 TeV per nucleone simulati su una griglia computazionale (Grid).

13. Sviluppo di rivelatori RPC per neutroni termici.

14. Sviluppo di rivelatori a silicio per radiografia digitale.

15. Ottimizzazione della correlazione tra rivelatori neutrinici e di onde gravitazionali per lo studio dei fenomeni supernovae.

16. Studio della possibilità di discriminare tra primari carichi e neutri nei raggi cosmici alle energie del taglio GZK.

17. Spettroscopia e decadimento di Ipernuclei con l'esperimento FINUDA a DAFNE.

18. Studio delle performance di prototipi Glass Streamer Chamber di grande area.

19. La misura di sin2alfa a BaBar e limiti sulla nuova Fisica.

Sezione di Trieste

1. Misura della polarizzazione dei gluoni in un nucleone polarizzato (esperimento COMPASS).

2. Misure di funzioni di struttura di spin dei nucleoni nei processi DIS con fascio e bersaglio polarizzati (esperimento COMPASS).

3. Studio della risposta di un contatore Cherenkov di tipo RICH (esperimento COMPASS).

4. Ricostruzione di decadimenti dei mesoni B in stati finali adronici con charm aperto (esperimento BaBar).

5. Analisi angolare in trasversità del canale D*+D*- per la misura di sen (2beta) (esperimento BaBar).

6. Studio sperimentale delle prestazioni di un rivelatore di vertice basato su sensori in silicio a microstrip (esperimento BaBar).

7. Studio e sviluppo di possibili upgrade per il rivelatore di vertice, basato su sensori a microstrip (esperimento BaBar).

8. Misura del rapporto di decadimento B0 -> D*lnu con ricostruzione esclusiva del leptone e della D* (esperimento BaBar)

9. Misura del parametro Vcb della matrice CKM mediante ricostruzione esclusiva del decadimento B0 -> D*lnu (esperimento BaBar)

10. Produzione e rivelazione di particelle neutre leggere, candidati per la materia oscura, mediante interazioni a bassa energia con due fotoni (esperimento PVLAS).

11. Studio sperimentale della struttura del vuoto in QED e QCD mediante la misura della birifrangenza magnetica del vuoto (esperimento PVLAS).

12. Analisi delle proprietà di cavità ottiche risonanti ad altissima finesse e di elementi ottici di precisione (esperimento PVLAS).

13. Ricerca di algoritmi ottimali di analisi per l'esperimento PVLAS.

14. Il progetto Silicon Vertex Tracker (esperimento CDF).

15. Selezione ed analisi di decadimenti adronici del quark b nelle interazioni protone-antiprotone (esperimento CDF).

16. Sviluppo di strumenti software su sistemi di calcolo distribuito per la gestione dei programmi di analisi e Monte Carlo e per la distribuzione dei dati (esperimento CDF).

17. Sviluppo e test di metodi di analisi e simulazione per un esperimento per lo studio della fisica dei raggi cosmici (esperimento PAMELA).

18. Studio della composizione degli sciami atmosferici ad energie dell'ordine del GeV (esperimento WIZARD).

19. Ricerca e sviluppo di rivelatori per raggi cosmici e neutrini di energie estreme nello spazio (esperimento AIRWATCH).

20. Studi sperimentali per la neutrino-factory, raffreddamento di muoni e rivelatori di neutrini (esperimento HARP).

21. Astrofisica della alte energie: la missione spaziale italiana AGILE, studio e realizzazione dello strumento e analisi dei dati.

22. Astrofisica delle alte energie: la missione spaziale GLAST della NASA.

23. Misura di processi complessi in reazioni tra ioni pesanti alle energie del LINAC ALPI dei Laboratori Nazionali di Legnaro (esperimento NUCL-EX).

24. Sviluppo software per simulazione ed analisi di dati dell'esperimento FINUDA a DAFNE.

25. Il rivelatore basato su sensori a deriva su silicio per il tracciamento nell'esperimento ALICE.

26. Il rivelatore basato su sensori a microstrip su silicio per il tracciamento nell'esperimento ALICE.

27. Il rivelatore di vertice dell'esperimento ALICE, l'assemblaggio e la messa in opera dei sistemi di rivelazione a deriva e microstrip.

28. Studio di sezioni d'urto neutroniche per la distruzione delle scorie radioattive (esperimento nTOF)

29. Teorie delle stringhe e modelli integrabili.

30. Teoria dei campi e gravitazione.

31. Fenomenologia delle interazioni elettrodeboli.

32. Tomografia mammografica con luce di sincrotrone.

33. Radiologia digitale diagnostica con luce di sincrotrone: analisi di immagini acquisite in varie modalità (assorbimento, contrasto di fase e diffraction enhanced).

34. Sviluppo di elettronica di front-end integrata per un calorimetro per esperimenti di fisica delle astroparticelle (esp. CASIS).

35. Studio della complessità di problemi NP - completi casuali.

36. Problemi di ottimizzazione combinatoria affrontati con sistemi dinamici.

37. Ottimizzazione del design e del processo di fabbricazione di rivelatori a microstrip a doppia faccia su silicio.

38. Studio del danno da radiazione generato da elettroni di alta energia (GeV) su rivelatori e dispositivi al silicio.

39. Sviluppo di rivelatori a fibre scintillanti per radiografia muonica del sottosuolo (progetto MGR).

40. Proprietà statistiche e comportamento a grande scala dell'Internet (esperimento IPM).

41. Monitoraggio delle prestazioni della rete I.N.F.N. ed altre reti IP (esperimento IPM).

Gruppo Collegato di Udine

1. Il contributo del rivelatore di vertice allo studio sperimentale della fisica a LHC.

2. Progettazione ed integrazione di un database per la descrizione del rivelatore GLAST

3. Applicazione di reti neurali all'identificazione dei partoni all'origine di sciami (esperimento CDF).

4. Monitoraggio della stabilità di risposta dei calorimetri. Analisi dati e configurazione di data base per lo studio della sistematica osservata (attività software) oppure miglioramento del sistema di monitoraggio (attività hardware e di on-line software) (Esperimento CDF).

5. Monitoraggio della risposta di rivelatori a scintillazione di muoni con particolare enfasi sullo studio di processi d'invecchiamento (esperimento CDF).

Centro Nazionale Analisi Fotogrammi

1. Sviluppo e sperimentazione di tecnologie di rete orientate a nuove applicazioni.

2. Studio e sperimentazione di Griglie computazionali e di dati per il calcolo dei futuri esperimenti (Progetto GRID).

3. Nuove architetture per applicazioni distribuite su centri regionali di tipo Tier1 (Progetto Prototipo TIER1).

Laboratori Nazionali di Frascati

1. Studio dei decadimenti dei K carichi.

2. Studio del decadimento del K neutro in due pioni carichi.

3. Studio del decadimento del K neutro in due pioni neutri.

4. Studio dei decadimenti rari del Ks.

5. Effetti di interferenza nei decadimenti del K neutro.

6. Studio e sviluppo di un rivelatore a GEM per impieghi ad alti flussi di particelle.

7. Realizzazione dell'elettronica di front-end veloce e del sistema di HV per rivelatori a GEM.

8. Studio e sviluppo di un rivelatore a GEM per impieghi medicali.

9. Studio e sviluppo di un calorimetro a fibre scintillanti per impieghi spaziali.

10. Studio e sviluppo di un rivelatore tracciante per impieghi spaziali.

11. I rivelatori del filtro muonico di LHCb.

12. L'elettronica del filtro muonico di LHCb

13. Trasmissione su fibra dei dati per il trigger muonico di LHCb.

14. Simulazione del background in LHCb.

15. Studio della violazione di CP nei decadimenti dei mesoni B contenenti Ds e DS*.

16. Studio delle caratteristiche operative dei rivelatori RPC.

17. Realizzazione del sistema di supporto di un rivelatore di rinculo per rivelazione di fotoni per l'esperimento HERMES.

18. Read-out di un rivelatore di rinculo per rivelazione di fotoni per l'esperimento HERMES.

19. Realizzazione di un recoil detector per misure esclusive in esperimenti di "deep-inelastic scattering".

20. Sviluppo di un programma di monitor basato su C++ e Root.

21. Analisi dei dati raccolti col rivelatore DIRAC presso il PS del CERN per la determinazione della vita media dell'atomo dipionico.

22. Automatizzazione del sistema di calibrazioni del rivelatore straw-tubes dell'esperimento FINUDA

23. Sviluppo di elettronica a bassissimo rumore per CCD sensibili a raggi X.

24. Gestione e monitor di un complesso esperimento in Fisica Nucleare/Alte Energie via web.

25. Progettazione meccanica degli elementi magnetici e delle strutture previste dal progetto SPARC.

26. Metodiche di misure meccaniche finalizzate alla realizzazione e all'allineamento dei componenti delle macchine acceleratrici.

27. Progettazione meccanica finalizzata alle macchine acceleratrici con l'uso di strumenti software quali modellazione solida e calcolo a elementi finiti.

28. La dinamica delle p-Direchlet brane.

29. Studio teorico e fenomenologico delle N=2 stringhe con supersimmetria spazio temporale.

30. Proprietà di trasporto elettroniche nei sistemi nano strutturati di carbonio.

31. Simulazioni di channelling di particelle accelerate attraverso nanotubi di carbonio e ondulatori cristallini, per l'ottenimentodi sorgenti di radiazione innovative.

32. Effetto Hall quantistico in dimensioni superiori.

33. Corrispondenza tra teorie di campo conformi e spazio di anti de Sitter in 5 dimensioni.

34. Meccanica quantistica non commutativa.

Laboratori Nazionali del Gran Sasso

1. Investigazione della componente WIMP della Materia Oscura dell'Universo con l'apparato LIBRA dell'esperimento DAMA.

2. Studio di processi rari con l'apparato a Xenon liquido dell'esperimento DAMA.

3. Sviluppo di nuovi scintillatori NaI(Tl) altamente radiopuri.

4. Ricerche sugli eventi rari nell'esperimento CUORICINO.

5. Studio dei fondi in un esperimento sui neutrini solari con energia inferiore al MeV.

6. Misura del flusso totale dei neutrini solari da 7Be in Borexino.

7. Studio di reazioni fondamentali dei cicli di fusione pp e CNO all'energia della nucleosintesi stellare (esperimento LUNA).

8. Studi di identificazione di particella mediante analisi dati da interazione di raggi cosmici in superficie, raccolti con il rivelatore ICARUS T600.

9. Sviluppo e ottimizzazione di metodi di estrazione di elettroni per effetto foto-elettrico e applicazione in strumenti di misura della purezza dell'Argon liquido per l'esperimento ICARUS.

10. Studio di processi di emissione di elettroni per effetto foto-elettrico e per effetto di Campo da materiali a semiconduttore con superfici trattate. Possibile utilizzazione per rivelatori o misuratori per la Fisica subnucleare.

11. Studio dell'emissione di luce di scintillazione e di luce Cherenkov in Argon liquido mediante analisi dati da interazione di raggi cosmici in superficie, raccolti con il rivelatore ICARUS T600.

12. Studio delle oscillazioni di neutrini generati da fascio mediante rivelazione diretta del neutrino tau.

13. Impiego di camere a piatti resistivi per l'esperimento OPERA.

Laboratori Nazionali di Legnaro

1. La formazione degli elementi di massa superiore al ferro nella nucleosintesi stellare: modelli fisici e misura di sezione d'urto di cattura neutronica e successivi processi r e p.

2. Dinamica delle reazioni tra ioni pesanti: primi esperimenti con lo spettrometro PRISMA.

3. Nuove tecnologie per la rivelazione di ioni pesanti di energie 1-5 MeV/A.

4. Ricostruzione delle traiettorie ioniche all'interno dello spettrometro PRISMA.

5. Acquisizione dati e analisi on-line ad alta velocità per gli esperimenti con lo spettrometro PRISMA.

6. L'utilizzo dello spettrometro PRISMA come separatore riempito di gas.

7. Studio della dinamica della fissione nella regione dei nuclei superpesanti.

8. Elettronica ad alta integrazione per esperimenti di fisica nucleare con fasci esotici.

9. Nuclei a simmetria chirale. Uno studio sperimentale delle proprietà elettromagnetiche del decadimento gamma.

10. Struttura nucleare a valori estremi di isospin: mixing di isospin in "mirror pairs".

11. Evoluzione di monopolo degli orbitali di particella singola: spettroscopia dei nuclei ricchi di neutroni utilizzando l'array di Rivelatori Clover e lo spettrometro PRISMA.

12. Costruzione di un array di rivelatori gamma al Germanio e suo abbinamento allo spettrometro magnetico PRISMA. Studio di nuclei ricchi di neutroni per mezzo di reazioni di "multinucleon transfer" e "deep-inelastic".

13. Studio dei meccanismi di smorzamento della risonanza gigante di dipolo in nuclei altamente eccitati.

14. Misure di sezione d'urto in reazioni indotte da fasci di carbonio di interesse per la radioterapia e per la valutazione del rischio da radiazione per la salute degli astronauti.

15. Emissione di frammenti di massa intermedia nel range energetico di ALPI: un importante strumento per lo studio del comportamento della materia nucleare.

16. Simulazione e ricostruzione di eventi Pb-Pb ad energie ultrarelativistiche per l'apparato ALICE al CERN.

17. Casimir biologico, studio della reattività di proteine in microcavità.

18. Misura effetto temperatura della forza di casimir.

19. Produzione di fotoni dal vuoto attraverso spostamenti in cavità a microonde.

20. Metodi di filtraggio non lineari per l'elaborazione e la classificazione di segnali di un rivelatore di onde gravitazionali.

21. Metodi ed algoritmi di sintesi dei segnali prodotti da una rete intercontinentale di rivelatori (interferometrici e/o risonanti) di onde gravitazionali.

22. Sviluppo di metodi di analisi dati per sorgenti di onde gravitazionali con spettri energetici dipendenti dalla frequenza.

23. Ricerca di onde gravitazionali periodiche prodotte da pulsars galattiche.

24. Correlazioni tra segnali di rivelatori di onde gravitazionali e "afterglows" elettromagnetici (X, ottici o radio) prodotti da sorgenti astrofisiche compatte (buchi neri o stelle di neutroni).

25. Misura del fondo stocastico di onde gravitazionali ad alta frequenza con tecniche di cross-correlazione tra diversi rivelatori sia risonanti che interferometrici.

26. TPC a semiconduttore a temperature criogeniche.

27. Misura di sezioni d'urto di cattura neutronica per applicazioni all'incenerimento delle scorie radioattive e alla costruzione di un reattore nucleare sottocritico.

28. Studio di materiali compositi avanzati, con particolare riguardo alla fibra di carbonio e modifica delle loro proprietà al fine di aggiungergli proprietà nucleari.

29. Sviluppo di sofware per l'analisi on-line dei dati dell'esperimento N-TOF presso il CERN.

30. Depositi di film sottili per controlli di qualità di sistemi di imaging radiografico.

31. Analisi meccanica strutturale di cavità acceleranti superconduttive.

32. Studio di acceleratori lineari ad alta intensità per la produzione di neutroni.

33. Rivelatori nucleari e applicazioni in campo aeroportuale e in operazioni di sminamento.

34. Il danneggiamento da radiazione di componenti elettronici ad alta integrazione.

35. Imaging con contatori a gas.

36. Radiografia digitale con matrici di punte.

37. Fotocatodi per fotomoltiplicatori per immagini digitali.

38. Sintesi per magnetron sputtering e caratterizzazione RF a bassa temperatura di films sottili superconduttivi di Niobio in cavità acceleratici.

39. Misura a basse temperature dell'impedenza superficiale RF di materiali superconduttori e films sottili.

40. Caratterizzazione di processi chimici ed elettrochimici per il trattamento di superficie in cavità acceleratrici di Niobio.

41. Metodi di sintesi di film sottili polimerici prodotti tramite deposizione in vuoto da utilizzarsi in rivelatori di radiazione UV-visibile.

42. Caratterizzazione delle proprietà fisiche di rivelatori di radiazione prodotti tramite tecniche di sintesi di tipo chimico-fisico.

43. Studio di scintillatori organici/inorganici a film sottile a matrice polimerica.

44. Nuovi metodi di deposizione in vuoto di film sottili e multistrati per ottiche ad alta riflettanza nell'EUV e soft X-ray.

45. Produzione e caratterizzazione di ottiche a multistrato per trasporto di radiazione nell'estremo UV e soft X-ray.

46. Produzione di ottiche riflettive curve a multistrato per applicazioni in astrofisica.

47. Sintesi e caratterizzazione di materiali nanostrutturati ad avanzate proprietà meccaniche.

48. Produzione di materiali nanocompositi a separazione di fase con tecniche di sputtering.

49. Studio microdosimetrico di fasci di neutroni termici ed epitermici per la BNCT.

50. Studio della qualità microdosimetrica dei fasi di protoni per la terapia delle patologie oculari.

51. Studio microdosimetrico dei campi neutronici secondari che si generano presso gli acceleratori di radioterapia.

52. Studio e sviluppo di un collettore di elettroni per nanodosimetria di traccia.

Laboratorio Nazionale del Sud

1. Rivelatori sottomarini di neutrini ad alta energia.

2. Fisica con ioni pesanti ad energie basse ed intermedie.

3. Fisica con fasci di nuclei esotici.

4. Produzione ed accelerazione di fasci di ioni ad alta intensità.

5. Sistema di acquisizione dati nel campo della fisica nucleare.

6. Studio di sorgenti di ioni di tipo avanzato.

7. Sviluppi di sistemi di rivelazione di particelle.

8. Tecniche fisiche in protonterapia.

Allegato n. 2

 

SCHEMA DI DOMANDA PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO

 

All'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

Amministrazione Centrale

Direzione Affari del Personale

Ufficio Borse di Studio

Casella Postale 56

00044 FRASCATI (Roma)

 

Oggetto: Bando n. 9600/2002 - 20 borse di studio per neolaureati

 

…….. sottoscritt…….. (cognome) ……………………………… (nome) …………………………………..

nat… il ……………………………………... a ………………………………………… Prov. ……………..

residente in …………………..........................……. Prov. …………… indirizzo………………...........

………………………………………………………………………………………………………………………

codice fiscale ..................................................................................................................................

chiede di essere ammesso al concorso di cui al bando n. …......……../2002 per l'assegnazione di venti

borse di studio per neolaureati in fisica e discipline affini da usufruire presso .......................................

......................................................................................................................................................

per compiere ricerche sul seguente tema: .......................................................................................

......................................................................................................................................................

......................................................................................................................................................

......................................................................................................................................................

......................................................................................................................................................

 

A tal fine dichiara, sotto la propria responsabilità:

di essere cittadino italiano ovvero …………………………… (Paese dell'U.E.)

di non aver riportato condanne penali (in caso contrario precisare di quali condanne si tratti)

di trovarsi, nei riguardi degli obblighi militari di leva, nella seguente posizione: ………………………………………………………………………………………………………………………

di essere in possesso del diploma di laurea in …………………………………………………………………

conseguito il ……………………………. presso l'Università di ……………………………………………….

……………………………………………….. con la seguente votazione ……. / ………

di essere in possesso dei seguenti titoli valutabili:

………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………

Allega la seguente documentazione:

………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………….

Presenta n. ..................... lavori, di cui:

- n. ................. a stampa, di cui in collaborazione n. ...............;

- n. ................. dattiloscritti, di cui in collaborazione n. .............

 

Desidera che tutte le comunicazioni riguardanti il concorso gli/le siano inviate al seguente indirizzo:

via………………………………………….

……………………………………………..

Città ……………………………………….

Prov. ………………………………………

CAP ……………… Tel. ………………...

e-mail ………………………………………

 

 

Data …………………………………

 

Firma

……………………………………………………

(firma per esteso e leggibile)

 

Allegato n. 3

 

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI

(art. 46 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)

 

Il/La sottoscritto/a __________________________________________________________________________

nato/a a ___________________________ prov. __________________ il _______________________________

residente in ______________________________via ________________________________n. _____________

consapevole della responsabilità penale in cui può incorrere in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci (art. 76 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)

DICHIARA

- di essere in possesso del seguente titolo di studio ______________________________________________

conseguito il ________________________ presso _____________________________________________

con votazione __________________________________

- di aver sostenuto i seguenti esami di profitto:

____________________________________________il_____________con votazione_________________

____________________________________________il_____________con votazione_________________

____________________________________________il_____________con votazione_________________

.................................................................................

Dichiara altresì di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all'art.10 della legge 675/96, che i dati personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa.

 

 

luogo e data

____________________________

Il/La dichiarante(1)

________________________________

(firma per esteso e leggibile)

 

(1)Il/La dichiarante deve inviare la dichiarazione unitamente alla copia fotostatica del documento d'identità in corso di validità.

Allegato n. 4

 

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA'

(art. 47 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)

 

Il/La sottoscritto/a _______________________________________________________________________

nato/a a ___________________________ prov. __________________ il _________________________

residente in ______________________________ via ______________________________________n. _______

consapevole della responsabilità penale in cui può incorrere in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci (art. 76 D.P.R. 28.12.2000 n. 445)

DICHIARA

__________________________________________________________________________________________

__________________________________________________________________________________________

A titolo puramente esemplificativo si riportano alcune formule che possono essere trascritte nel facsimile della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà:

- che la copia del certificato di iscrizione al corso di laurea in_________________________

presso l'Università di_____________________________________,allegato alla domanda, composta di n.

______________fogli, è conforme all'originale.

- che la copia del seguente titolo o documento o pubblicazione_______________________________________

_______________________________________________________________________________________

composta di n. _______________ fogli è conforme all'originale.

Dichiara altresì di essere informato, ai sensi e per gli effetti di cui all'art.10 della legge 675/96, che i dati personali raccolti saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa.

 

luogo e data

____________________________

Il/La dichiarante(1)

________________________________

(firma per esteso e leggibile)

 

(1)Il/La dichiarante deve inviare la dichiarazione unitamente alla copia fotostatica del documento d'identità in corso di validità.